L'escursione di Robert Browning

Il poeta e drammaturgo inglese Robert Browning, aveva l’abitudine di passeggiare con animo sereno e senza una meta precisa, godendo della bellezza del paesaggio.

Un giorno, partendo dalla locanda Moretto di Asolo, verso le valli arcane delle Fate e degli Orchi, arrivava in vista del Tempio di Antonio Canova a Possagno, per raggiungere poi i colli di Maser passando per Villa Barbaro di Andrea Palladio, lungo per i sentieri del Col san Martino e approdare alla Rocca per recitare a voce alta le sue poesie, e poi al tramonto ritornare alla locanda di partenza. Ma per godere di tutte queste cose, anche delle uova con pancetta a colazione, per quanto si dichiarasse vegetariano, e del vino ai piedi dei colli, suo padre gli aveva insegnato a imparare l’italiano, che parlava correntemente con la sua locandiera, oltre a sapere greco e latino.